LA NORMATIVA

La direttiva 2012/27 UE impone entro il 31 dicembre 2016, l’adozione di contatori individuali per misurare il consumo di calore e di acqua calda per ciascuna unità immobiliare facente parte di un condominio servito da un impianto termico centralizzato.
In questo contesto si inserisce la norma tecnica UNI 10200 che fornisce i criteri per ripartire la spesa totale di riscaldamento e acqua calda sanitaria, distinguendo i consumi volontari di calore delle singole unità immobiliari da tutti gli altri consumi involontari, ovvero essenzialmente le perdite della rete di distribuzione, e assumendo di fatto l’importante principio del “pago in base a quanto consumo”.

LETTURA E CONTABILIZZAZIONE CONTATORI CALORE

A seguito della direttiva 2012/27 UE e dei nuovi criteri utilizzati nella costruzione degli immobili è nata l’esigenza da parte degli amministratori di condomini di richiedere anche la gestione del servizio calore che LIRCA è in grado di offrire attraverso il pagamento delle fatture gas condominiali e la successiva relativa suddivisione dei consumi sulla base dei dati rilevati dai singoli contatori divisionali di calore. La suddivisione viene eseguita abbinando alla quota consumo quella in proporzione ai millesimi di propietà, seguendo le modalità deliberate dalla assemblea condominiale.
La lettura dei contatori viene effettuata da personale specializzato L.I.R.C.A. dotato di cartellino identificativo.

GUIDA INFORMATIVA PER L’UTENTE

La direttiva 2012/27 UE impone entro il 31/12/2016 l’adozione di contatori individuali per misurare il consumo di calore e di acqua calda per ciascuna unità immobiliare facente parte di un condominio servito da un impianto termico centralizzato. In questo contesto si inseriscono la UNI 10200:2013 che fornisce i criteri per ripartire la spesa totale di riscaldamento e acqua calda.

La legislazione vigente parla di CONTABILIZZAZIONE e TERMOREGOLAZIONE.

Se la contabilizzazione permette di “contare” l’energia richiesta per riscaldare la singola unità immobiliare, la termoregolazione consente invece di gestire l’erogazione del calore secondo le esigenze di ogni singolo utente. Tele sistema mette l’utente nelle condizioni di poter gestire il riscaldamneto in modo autonomo con la conseguenza che pagherà la quota corrispondente alla quantità di calore erogata.

Questo sistema richiede:

  • Dispositivi atti a misurare il calore (contatori o ripartitori)
  • L’installazione da parte di professionisti abilitati
  • Un criterio di ripartizione secondo la UNI 10200
  • Una gestione nel tempo che miri ad una corretta e costante informazione dell’utente finale (letture e relativi consumi)

Il principio su cui si basa la UNI 10200 è la ripartizione del costo del calore prodotto che dipende dal costo dell’energia e dall’efficienza dell’impianto.
L’energia termica prodotta si divide in :

  • CONSUMI VOLONTARI dovuti all’azione volontaria dell’utente mediante dispositivi di termoregolazione
  • CONSUMI INVOLONTARI rappresentati principalmente dalle dispersioni di calore della rete di distribuzione e che vanno ripartiti in base ai millesimi di riscaldamento.

LIRCA elabora tramite un programma di contabilizzazione il dato ed emette una fattura di facile lettura e comprensione ,con frequenza prestabilita a seconda delle esigenze del condominio, descrivendo dettagliatamente ogni voce di spesa specificando come da normativa il costo volontario e quello involontario.

CICLO DI FATTURAZIONE

  • Il ripartitore rileva ed invia giornalmente i consumi alla centralina condominiale
  • La centralina trasmette i dati sul server remoto
  • Il server raccoglie e archivia i consumi effettivi
  • LIRCA elabora e contabilizza i consumi mediante l’emissione delle singole fatture
  • L’utente riceve un’unica fattura multiservizi di facile consultazione.